Saponetta rosa a forma di cuore e fiori di lavanda. Sapone di riciclo
Consigli

Come realizzare una saponetta speciale recuperando pezzetti di sapone inutilizzati

Sarà capitato anche a te di avere una certa quantità di pezzetti di sapone cosi piccoli da non riuscire più a utilizzarli!

Beh, non buttarli via!

Perché se hai la costanza di “collezionarli” puoi dare vita a un sapone speciale … il tuo!

Se anche tu come me consideri importante riciclare tutto ciò che è possibile per non sprecare risorse importanti, allora questo articolo può essere utile per regalarti una piccola soddisfazione: realizzare con un poco di fantasia e pochi ingredienti facilmente reperibili, delle saponette personalizzate.

Ogni volta che le saponette sono alla fine, puoi fare come me che le metto in un contenitore di vetro e quando iniziano ad essere un numero consistente e sono tutte ben asciutte e secche, le riciclo.

Per fare questa operazione ti serve:

– Pentolino (che non utilizzi più e preferibilmente antiaderente.)

– Cucchiaio di legno

– Stampini (metallo, silicone o se preferisci piccoli contenitori di alluminio.)

– 1 cucchiaino di bicarbonato

– Acqua demineralizzata

– Pezzetti di sapone avanzato

–  Borotalco

Per rendere speciale la saponetta aggiungi:

– Qualche goccia di olio essenziale profumato (lavanda, mandorla, limone … a te la scelta) in mancanza anche l’olio di oliva andrà bene.

 

PREPARIAMO LE SAPONETTE

– Prendi i rimasugli di sapone e riduci il più possibile la loro dimensione. (Per fare questo puoi utilizzare un coltello oppure, se riesci, usa la grattugia per renderli ancora più fini.)

– Nel pentolino metti un poco di acqua demineralizzata (meglio aggiungerla un po’ alla volta quando serve) e fai sciogliere un cucchiaino di bicarbonato.

– Aggiungi il sapone.

– Porta ad ebollizione e di tanto in tanto mescola fino a quando il composto non ha una consistenza cremosa.

– A questo punto dopo averla tolta dal fuoco, puoi aggiungere qualche goccia del tuo olio preferito.

 

Pentolino con avanzi di sapone sciolti
Avanzi di sapone sciolti

 

– Nel frattempo puoi iniziare a spolverare i tuoi stampini con del borotalco o se preferisci, a ungere i tuoi stampini con dell’olio. Quest’operazione serve a far uscire più facilmente la tua saponetta.

– Quando tutto sarà pronto, puoi travasare questa crema di sapone nei tuoi stampini e con il coltello livellare la parte superiore.

 

Stampi riempiti con il sapone sciolto in pentola
Sapone versato negli stampi

 

Poi non ti resta che fare raffreddare e solidificare il sapone per almeno una settimana in un luogo asciutto.

Piccolo consiglio: in inverno puoi mettere i tuoi stampini vicino al termosifone. Questo aiuta ad eliminare l’umidità in modo più rapido. La stessa cosa la puoi ottenere in estate esponendoli al sole.

Idea: Con questo sistema e degli stampini a forma di cuore (o altra forma che preferisci) puoi anche creare piccole saponette da mettere in sacchettini come profumatori per i cassetti o da regalare alle amiche.

 

Le nuove saponette fuori dagli stampi
Le saponette pronte

 

Se vuoi rendere ancora più personalizzate le tue saponette, puoi aggiungere all’impasto fiori secchi come ad esempio la lavanda, pezzi di cannella, scarti di caffè o altro a tuo piacimento.

Se invece non hai voglia o tempo di cimentarti in quest’operazione, ma vuoi evitare comunque lo spreco di sapone, puoi sempre fare come le massaie di una volta che appoggiavano il pezzo vecchio sopra a quello nuovo. Tenendoli premuti ogni volta che sono usati per il lavaggio, finiscono con l’unirsi in un unico pezzo.

Ora non ti resta che provare!

Sono certa che come me, anche tu troverai divertente realizzare nuove saponette riciclando gli avanzi delle altre.
Se per caso hai qualche consiglio o suggerimento da darmi, commenta il post sulla mia pagina Facebook e ricordati di mettere il “Mi piace”.