Mano di donna con borse per shopping e spesa
Consigli

I Segreti per venderti… quello che non ti serve.

Dopo 25 anni di vita dedicata a casa e figli, una cosa posso proprio dirla:

Recarsi al supermercato a fare spesa, è una delle faccende casalinghe per la quale è necessario tenere dritte le antenne.

Entrare in uno dei tanti centri commerciali sorti come funghi, equivale ad entrare in un piccolo mondo fatto di tanti negozi pronti a soddisfare tutte le tue necessità … e anche di più purtroppo!
Proprio così … anche di più!
Più di cosa?
Più di ciò che tu hai realmente bisogno!

Magari tu pensi di essere capace di non farti influenzare da questi “professionisti”delle tecniche di vendita, e stai attenta a non farti riempire tasche e sacchetti di prodotti che non ti servono, ma alla fine ti ritrovi come Pinocchio.

Nella condizione di essere stata fregata dal gatto e la volpe!

Vuoi una prova? Se continui nella lettura, vedrai che non potrai che darmi ragione e da oggi, saprai come evitare di buttare i soldi nel cesso.

Entri per far spesa, (giusto due cose) e ne esci come il facchino del Grand Hotel!
Ma com’è possibile se sei stata così attenta?
Colpa del bancomat o della carta di credito che non ti danno la misura di ciò che spendi?

Cos’era quel senso di “fregatura” che mi sentivo ogni volta che entrata in supermercati e negozi per acquistare determinate cose e basta, ne uscivo poi con tazzine date in omaggio con i biscotti, campioni di creme e tovagliette per la colazione?

Un bottino di cose avute GRATIS!

Eppure di tutta quella roba io non avevo bisogno! Perché si trovava nelle mie borse? Come c’erano riusciti?

Da diverso tempo oramai, tra le mie letture e i miei studi ci sono anche libri di materie psicologiche e un giorno, leggendone uno che mi era stato regalato da un amico, mi sono resa conto che proprio in quelle pagine era contenuta la risposta. Era un libro nel quale venivano spiegate tecniche di vendita al limite della manipolazione.

Ed è stato così che ho preso immediatamente coscienza che nulla di ciò che normalmente accade in determinate situazioni in negozi e supermercati è frutto del caso, bensì di accurate tecniche di vendita manipolatorie.

Finalmente avevo trovato la chiave di lettura per comprendere le trappole di questi venditori che volevano solo farmi aprire il portafogli!
Ora so!
E se sai, non caschi più!

Il libro mi è stato di grande aiuto e dato che per mia natura sono una persona che ama capire le dinamiche di certi comportamenti, ho deciso di leggere altro sulla materia per approfondire meglio.

Dopo aver studiato e messo in pratica per diverso tempo ciò che avevo appreso, ora voglio svelarti una delle tecniche che stanno dietro a queste cose affinché tu possa evitare di caderci.

Esistono ricerche scientifiche fatte da psicologi sociali, attraverso le quali sono state identificate i sei principi fondamentali della persuasione.

La persuasione è la capacità di convincere ed influenzare il comportamento altrui.

In questo caso, la persuasione è la capacità di convincerti ed influenzarti affinché tu ti senta in dovere di comprare qualcosa.

La tecnica applicata in questo caso è quella della “Reciprocità”, ossia la regola del contraccambio.

 

LA REGOLA DEL CONTRACCAMBIO

Questa regola afferma che se riceviamo un favore, ci sentiamo sempre obbligati a ricambiare. 

Se ti viene regalato qualcosa, scatta in te il senso della riconoscenza. Questo perché le regole e le nostre convinzioni sociali ti spingono a sentirti in colpa se non ricambi un piacere.

Cominci a capire vero?

Sei al supermercato e stai facendo spesa, quando la ragazza di uno dei tanti stand ti offre una degustazione gratuita del loro caffè. Decidi di accettare perché quello è proprio il caffè che pubblicizzano ultimamente in televisione. Appena finito di gustarlo la ragazza ti chiede se vuoi approfittare del 3×2 del giorno.

Tu che fai?

Rifiuti passando per la scroccona di turno che fa il giro dei supermercati per bere gratis il caffè?

Ti stai incavolando a pensare a quante volte l’hanno applicata con te? Tranquilla, da oggi che la conosci non funzionerà più. Ti basterà pensare che la persona non ti sta regalando niente, ma sta solo cercando di attivare in te il desiderio di contraccambiare.

Per comprendere quanto questa regola sia così efficace, prova a pensare a tutte le volte che un’amica che ti ha aiutato da poco ti chiede a sua volta un favore!

Ora capisci perché se qualcuno ti fa un regalo tu, ti senti in dovere di contraccambiare?

E come si contraccambia al supermercato?

Comprando ciò che non ti serve!

 

Se ritieni che quest’articolo possa essere utile anche a qualcun altro, condividilo, e continua a leggere i miei articoli, scriverò ancora sull’argomento.