Lavatrice carica di bucato con oblò aperto
Organizzazione pulizie

3 Buoni motivi per tenere la lavatrice pulita e renderla efficiente

Scommetto che anche a te è capitato qualche volta, di sentire odori non gradevoli uscire dal cestello della tua lavatrice. Ebbene, sappi che la tua lavatrice ti sta inviando dei chiari segnali:

Aiuto, puliscimi!

Per me, che considero la lavatrice un elettrodomestico indispensabile (tanto è vero che per essere sicura di poter fare ogni giorno il bucato, ne possiedo due) tenerla pulita ed in buono stato è importante, perché vuol dire avere una lavatrice sempre efficiente che durerà più a lungo nel tempo.

Eccoti tre buoni motivi per cui vale la pena farlo:

1-Se si formano muffe o acqua stagnante, la tua lavatrice emanerà un cattivo odore.

2-Se si accumulano residui di sporco, questi residui ritorneranno in circolo durante i lavaggi e si depositeranno sui tuoi panni (quegli odiosi piccoli pezzettini grigi).

3-Se la durezza dell’acqua, cioè la quantità di sali di calcio e magnesio presenti nell’acqua, crea incrostazioni di calcare sugli elementi della lavatrice, non solo la lavatrice ti funzionerà male e consumerà di più, ma in futuro potrebbero causare guasti.

 

Mantenere questo elettrodomestico pulito è davvero cosa semplice. Non serve molto tempo o fatica e i prodotti che devi usare sono facilmente reperibili ed ecologici.

Sto parlando dell’aceto e del bicarbonato di sodio.

A te non rimane altro che ripetere con costanza, una volta al mese, queste semplici operazioni:

Pulisci la vaschetta della lavatrice

Estrai la vaschetta dalla lavatrice e sciacqua molto bene tutte le sue parti, in modo da togliere già da subito quella patina che normalmente viene a formarsi. Preparati con 2 cucchiai di bicarbonato e un poco di acqua, un composto che sia cremoso. Con una spugnetta o panno, utilizza questa pasta per pulire tutta la vaschetta. Ti consiglio di utilizzare un vecchio spazzolino da denti che non usi più, per raggiungere tutte le fessure o angolini dove la spugnetta non riesce ad arrivare. Una volta terminato, risciacqua tutto molto bene.

Pulisci lo sportello

Per pulire lo sportello e l’oblò in vetro, prepara una soluzione con aceto bianco diluito in acqua tiepida (io faccio 1 bicchiere di aceto e 2 di acqua) imbevi la spugnetta e passala.

Pulisci le guarnizioni

Per pulire le guarnizioni potrai utilizzare lo stesso composto cremoso di bicarbonato ed acqua che hai preparato per pulire la vaschetta.

Mi raccomando, pulisci bene le pieghe e le fessure! Sono la casetta ideale di germi e batteri!

Pulisci il filtro

Prima di fare quest’operazione, ti consiglio di svuotare il più possibile la lavatrice dall’acqua. Chiudi il rubinetto per l’acqua della lavatrice e cerca nei programmi la funzione “scarico”. In questo modo la lavatrice dovrebbe buttare fuori il poco di acqua che normalmente rimane alla fine di ogni lavaggio.

Nel momento in cui estrarrai il filtro ricordati comunque di avere sottomano una piccola bacinella e uno straccio, una modesta quantità di acqua potrebbe comunque rimanere e tu ti ritroveresti come Mosè, in mezzo alle acque!

Una volta estratto il filtro, lavalo con lo spazzolino e il tuo composto cremoso di bicarbonato ed acqua. Se dopo quest’operazione ti sembra che sia ancora incrostato, puoi metterlo in ammollo nella soluzione di aceto bianco ed acqua, sino a quando non lo vedrai pulito.

Pulisci il cestello

Eccoti arrivata all’ultimo passaggio. A questo punto non ti rimane che impostare un ciclo di lavaggio a 60° senza inserire il bucato, a cestello completamente vuoto, e mentre scorre l’acqua versa mezzo litro di aceto bianco nella vaschetta del detersivo.

Qualcuna delle mie amiche usa fare il lavaggio a 90°, ma personalmente penso che sia uno spreco di energia elettrica, già a 60° la tua lavatrice sarà pulita ed igienizzata.

Un ultimo consiglio: alla fine di ogni lavaggio, asciuga sempre l’acqua che rimane depositata sul fondo della guarnizione e lascia sempre aperto lo sportello della lavatrice. Questo semplice accorgimento eviterà che si formino muffe ed odori sgradevoli.

 

Se ritieni che queste semplici indicazioni possano tornare utili anche ad altri, ricordati di condividere l’articolo.